2011 in review

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2011 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

A San Francisco cable car holds 60 people. This blog was viewed about 3.500 times in 2011. If it were a cable car, it would take about 58 trips to carry that many people.

Click here to see the complete report.

Annunci

LA VERITA’ SUL BANCO DI SICILIA

di Antonino Macula

Recentemente, parlando con un amico ben informato ed esperto in questioni bancarie, ho scoperto la vera storia relativa alla vicenda “Banco di Sicilia” che, com’è tristemente noto, è stato inglobato prima in “Capitalia” e poi in “Unicredit”. Oggi, purtroppo, di Siciliano il BdS conserva solo il nome (e non si sa sino a quando). Per noi Siciliani, questo “inglobamento” non ha costituito una “innocua” operazione societaria priva di effetti significativi sulla nostra collettività, ma ha prodotto e continuerà a produrre sulla nostra economia conseguenze devastanti. Continua a leggere

Ecco i partiti che hanno governato la Sicilia per 64 anni. In testa la Dc (52 anni)

Di Massimo Costa 

Oggi si celebrano veri o presunti “padri dell’autonomia”, si cercano responsabilità sulla sua mancata attuazione, etc. Su questa scia ho provato a fare una contabilità spicciola: quali forze politiche sono state al vertice della nostra Regione dal 1947 ad oggi?

La risposta la sappiamo già, ma i numeri fanno lo stesso impressione.

La Democrazia Cristiana e i partiti “post-democristiani” hanno espresso il nome che è andato poi a fare concretamente il Presidente della Regione per la bellezza di 52 anni e 10 mesi, di cui ben 32 di fila tra la caduta di Milazzo e quella della I Repubblica. Continua a leggere

Gela e suoi padroni – A proposito di petrolchimico.

di Salvatore Catania

Sono più di 50 anni che lo Stato italiano estrae dal sottosuolo del territorio di Gela un petrolio molto ricco di zolfo che produce come scarto una sorta di carbonella polverizzata, il petcoke.
A Gela l’Eni è lo Stato.
E se dovesse sostenere i costi di smaltimento, per questo rifiuto tossico che, invece, viene bruciato nella centrale termoelettrica avvelenando tutta la popolazione gelese, probabilmente se ne andrebbe oggi stesso. Ma poiché lo brucia ne ha, invece, un doppio guadagno perchè, oltre a vendere, a caro prezzo, la benzina e il gasolio, ricavate sopratutto dal nostro petrolio, ci vende l’energia elettrica, e ci vende anche l’acqua, perchè il dissalatore funziona proprio con quella energia elettrica.
Bisogna anche rimarcare il fatto che questi signori, quando il petrolio se lo vanno a prendere in Libia o in Nigeria, pagano delle royalites pari al 70 % del ricavato, a Gela, essendo a casa propria (loro non i gelesi) ne pagano il 7 %. Continua a leggere

Lettera aperta a Oriana Fallaci

Nel centocinquantesimo dell’Unità italiana

Leggerla e rileggerla, anche se non è più tra noi, è sempre un piacere un arricchi­mento per la mente e lo spirito perché anch’io, gentile Oriana, ho la stessa rabbia, la stessa tensione, contro le ingiustizie e contro la spudorata falsificazione della Verità, per cui rileggendola ho l’impressione di averla conosciuta da sempre, di parlare con una della mia stessa famiglia, che vive la stessa sofferenza… Ma la mia sofferenza è ancora più grande, perché più antica; a quella che ci causa oggi il mussulmano Bin Laden, bisogna sommare quella del piemon­tese Bin Laden.  Continua a leggere

Lettera aperta al Presidente Napolitano.

Catania li, 12 Maggio 2010.

Egr. Sig. Presidente della Repubblica Italiana, ieri 11 Maggio 2010 Ella, presente a Marsala per la ricorrenza del 150 ° anniversario dello sbarco dei mille, come le impone il Suo ruolo istituzionale, ha enfatizzato l’UNITA’ d’ITALIA e ha condannato prospettive di “una nuova frammentazione dello Stato nazionale”, aggiungendo “Non c’è nulla di retorico nel celebrare l’unità conseguita dall’Italia, è un modo di rinnovare il patto fondativo della nostra nazione” ed ancora “Si può considerare solo penoso che da qualunque parte, nel Sud o nel Nord, si balbettino giudizi liquidatori sul conseguimento dell’Unità, negando il salto di qualità che l’Italia tutta, unendosi, fece verso l’ingresso a vele spiegate nell’Europa moderna”. Continua a leggere

Lettera aperta al Presidente della Prov. Regionale di Catania On. Giuseppe Castiglione

Claudio Collura
ASSOCIAZIONE CULTURALE
“IL VESSILLO DEL VESPRO”
VIA VITT. EMANUELE, 320 – 94012 BARRAFRANCA (EN) –
Tel. 3201150993 e-mail: c.collura@tiscali.it

Ill.mo Presidente della Provincia Regionale di
Catania
On. Giuseppe Castiglione

Egregio Signor Presidente,
Le scrivo, questa lettera aperta, in qualità di Presidente dell’Associazione culturale “ Il Vessillo del Vespro” nata il 10 Maggio 2010 tra le cui finalità figurano lo studio e la difesa dei valori e dei principi dello Statuto Speciale di Autonomia della Regione Siciliana.
La motivazione per cui Le scrivo riguarda l’articolo pubblicato sul quotidiano “ La Sicilia “ del 29 Luglio 2011 a pagina 5, dove ho letto una Sua dichiarazione, in risposta all’On. Speziale sulla abolizione delle province, che riporto integralmente: Continua a leggere